I KING ACCORCIANO LE DISTANZE A VIGGIANO

I KING ACCORCIANO LE DISTANZE A VIGGIANO - FMI Basilicata
Sul sito fmibasilicata.it trovate la classifica regionale turismo aggiornata all' ultima manifestazione svoltasi sabato e domenica scorsa, che è stata il Motoraduno itinerante "all'ombra del faggio" organizzato dal M.C. Val d'Agri, e che vede i King of Kings, ai quali dedichiamo la foto che li vede ritratti in arrivo al campo base sulla Montagna Grande di Viggiano, accorciare le distanze, a soli 9 punti, sui capolista il Melfi GDV. Rinsalda la terza posizione, invece, il M.C. Salandra che si era trovato appaiato ai Venusia Bikers nella scorsa manifestazione, ma ora si porta a 13 lunghezze di vantaggio. Grande sfida, dunque, quest'anno per la leadership quando abbiamo oltrepassato ormai il giro di boa delle manifestazioni e ne mancano solo quattro alla fine del TTR. E rivediamole quali sono appunto: 10 agosto Santarcangelo, 22 agosto Salandra, 6 settembre Maratea e in chiusura autunnale l' 11 ottobre a Rionero. http://www.fmibasilicata.it/1/upload/class._provvisoria_turismo_villa_d_agri.pdf

IL M.C. POLICORO AL SUO OTTAVO VIAGGIO INTERNAZIONALE

IL M.C. POLICORO AL SUO OTTAVO VIAGGIO INTERNAZIONALE - FMI Basilicata

La foto che pubblichiamo oggi ritrae i soci del M.C. Policoro che saranno i protagonisti, appena partiti, dell’ ottavo viaggio internazionale del Club che vedrà percorrere Albania, Serbia e Bosnia, Repubblica Ceca e Romania, per risalire la Bielorussia fino in Finlandia e ridiscendere attraverso la cosiddetta Russia bianca, Polonia, Germania e Austria, per un totale di circa 8000 km e 10/12 giorni di viaggio. Ma vediamo ora di comprendere meglio, attraverso il racconto del Presidente Lino Di Leo, (il primo da destra) da dove nasce questa passione per i grandi viaggi in moto che passa inevitabilmente attraverso la storia del Moto Club Policoro. Club, fra i primi ad essere costituiti in Basilicata che data la sua nascita nel lontano 1978, e nasce, a dire di Lino, da un sogno di bambini. Già perché i padri fondatori del sodalizio sono stati tutti compagni di scuola che avevano, già da tenera età, una passione smoderata per la moto e una curiosità di scoprire il mondo attraverso quel mezzo così affascinante, e chiaramente a quell’ età, e quando le condizioni economiche non potevano che far solo sognare certi intenti, quei ragazzi si sono ripromessi che da grandi quel sogno lo avrebbero realizzato. E in qualche maniera così è stato. Quegli amici, ancora uniti, hanno portato le loro due ruote in Spagna, Portogallo, Tunisia, Francia attraversando i Pirenei, Marocco, Bulgaria, Grecia, Moldavia, Romania con la sua Transilvania, Russia fino al Mar Nero e tanti altri Paesi. Ma il M.C. Policoro non è soltanto viaggi perché si occupato in passato di Motocross, di Minimoto e oggi ancora di Velocità con la sua punta di diamante in Gianluca Vizziello. Ma c’è anche un forte interesse per il settore dell’ Epoca e fra le file dei soci vi sono numerosi Harleysti che rappresentano il fronte bikers del Club. Eppure, conclude Lino, in realtà quel sogno non è stato del tutto realizzato perché rimane da compiere il sogno dei sogni, il viaggio perfetto: il coast to coast Americano! Vedremo se un giorno i nostri intrepidi viaggiatori riusciranno a portare le loro cavalcature nel Nuovo Continente, intanto aspettiamo notizie giorno per giorno di questo viaggio in maniera tale da tenere tutti aggiornati attraverso una sorta di breve diario di bordo e poter anche noi, che restiamo a casa, poter vivere un pò le loro emozioni.. Buon viaggio ragazzi!!

DOCUMENTO DI RIVALUTAZIONE DELLA SICUREZZA NELLO SPORT MOTOCICLISTICO

Il presente documento nasce dalla riflessione dei Comitati Regionali della FMI che hanno  sottoscritto lo stesso.

Sempre più spesso nelle manifestazioni motociclistiche noi, rappresentanti territoriali della Federazione Motociclistica Italiana , veniamo accusati di essere rigidi e poco flessibili nei confronti dei motociclisti a causa delle regole e della disciplina all’interno dei vari campionati sportivi.

L’osservanza dei regolamenti poi si acuisce nel momento in cui la Federazione Motociclistica viene “accostata” agli Enti di Promozione con cui, a dire di coloro che partecipano alle manifestazioni, “tutto è più semplice”.

Dopo avere per anni ascoltato e discusso sull’argomento ci siamo resi conto che è arrivato il momento di chiarire con tranquillità ma anche con fermezza quali sono i punti nodali su cui la FMI basa il suo operato.

Criteri precisi e reali da cui non si può prescindere sia che si espleti attività agonistica sia che si faccia promozione, volti a ricercare la sicurezza dei praticanti il motociclismo.

Da qui la nostra missione che è quella di sensibilizzare tutti coloro che orbitano intorno alle due ruote motorizzate verso l’accettazione di regole che sono finalizzate alla tutela dello stesso fruitore.

In questa ottica ci permettiamo pertanto di fare delle considerazioni che mettono in evidenza il ruolo della Federazione Motociclistica Italiana a cui il CONI ha riconosciuto una serie di prerogative e diritti.

 Innanzitutto la Federazione Motociclistica Italiana è indicata dal CONI, nello specifico, come  “unico Ente omologatore” degli impianti per gli sport motociclistici.

Agli Enti di Promozione Sportiva è solo concessa la possibilità di stipulare, con la FMI, apposite convenzioni che permettano ai primi di rendere valido il proprio “tesseramento” negli impianti già omologati dalla FMI .

La normativa è molto chiara e i ruoli rimangono distinti e precisi; non si tratta di ordini gerarchici ma di ruoli e professionalità diversi, coesistenza di mondi in cui ciascuno deve ricoprire il proprio ruolo, la Federazione Motociclistica Italiana deve occuparsi di agonismo e della promozione del motociclismo in tutte le sue forme mentre gli Enti di Promozione, come del resto identificati nella dizione stessa, svolgere la promozione.

Vorremmo altresì evidenziare come nelle nostre regioni ancora oggi si registra la mancanza di consapevolezza di cosa vuol dire “rischiare” quando si va in moto.

Sicuramente i pericoli sono ovunque ma decidere di rischiare è una decisione della sfera personale. Dunque se, per esempio, l’età minima per un bambino che inizia a gareggiare nel motociclismo è fissata in 8 anni dal Ministero della Salute , perché si assiste ancora oggi allo svolgimento di gare mistificate in pseudo-allenamenti con minipiloti di età decisamente inferiore?

Perché un genitore decide di mettere a rischio la vita del proprio figlio? Certamente sono scelte personali, ma solo chi ha un ruolo più distaccato da una visione così coinvolgente capirà che se il limite fissato è di 8 anni, sicuramente è stato valutato e ponderato da professionisti ed esperti a disposizione degli Enti Federali.

Rimane dunque evidente che nel vedere bambini di cinque, sei, sette anni partecipare a manifestazioni “agonistiche” organizzate dagli EPS, la Federazione Motociclistica Italiana e i suoi Comitati Regionali prendano le distanze, come è giusto che sia, e nel contempo cerchino di educare affinché tutto questo non succeda.

Anche tra gli adulti le norme sono chiare, ad esempio gli allenamenti in FMI possono essere effettuati, per talune discipline, esclusivamente su impianti omologati, facilmente individuabili, ma solo se l’atleta risulti dotato o di licenza agonistica o di tessera Sport, uniche forme che consentono a tutti (gestori di impianti, dirigenti e piloti) di essere coperti da un punto di vista assicurativo.

Gli esempi sopra riportati a parere nostro, servono ad esortare tutti coloro che si accostano al mondo motociclistico a riflettere sul significato di Federazione e sul fatto che quelli che di primo acchito possono sembrare “paletti” sono in realtà scorci di tutela e di protezione nei confronti di tutti i motociclisti, sani e coscienti.

Per qualunque dubbio o chiarimento, invitiamo a contattare i Comitati regionali di appartenenza ricordando a tutti che la differenza tra la certezza e l’incertezza è l’informazione!  

 

F.to I Presidenti dei Co.Re. FMI

Abruzzo – Elvio Fortuna

Basilicata – Rocchino Lopardo

Calabria – Luigi Mamone

Campania – Massimo Gambini

Delegazione Valle d’Aosta – Paolo Enriore

Emilia Romagna – Giancarlo Cavina

Friuli Venezia Giulia – Mario Volpe

Lazio – Valter Saveri

Liguria – Marco Marcellino

Lombardia – Ivan Bidorini

Marche – Giuseppe Bartolucci

Molise – Clemente Santoro

Piemonte – Vittorio Angela

Provincia di Bolzano – Marco Bolzonello

Provincia di Trento – Giorgio Endrizzi

Puglia – Cosimo Costabile

Sardegna – Ettore Pirisi

Sicilia – Francesco Mezzasalma

Toscana – Andrea Vignozzi

Umbria – Mara Colligiani

Veneto – Luigi Favarato

 

 

Allegati:

Regolamento EPS (fonte CONI) http://www.fmibasilicata.it/1/upload/regolamento_eps.pdf

Principi informatori impianti (fonte CONI) http://www.fmibasilicata.it/1/upload/principi_informatori_impianti_coni.pdf

Età minima per attività agonistica (fonte Ministero della Salute) http://www.fmibasilicata.it/1/upload/circolare_del_ministero_della_salute_22_maggio_2008_etai_minima_per_l....pdf

ACCORDO ENI-FMI

ACCORDO ENI-FMI - FMI Basilicata

Hai già fatto richiesta della tua carta you&eni per ottenere sconti sul carburante della tua moto e della tua auto? No!? Allora segui le istruzioni per ottenere you&eni prepaid:

1) generare il proprio codice promozione sul sito FMI (munirsi di tessera) http://sistema2.federmoto.it/young/tessera_codiceeni_01.asp  
2) collegarsi al sito Youandeni.com e richiedere la card "base" (munirsi di documento identità)
 la card attiva di promozione FMI sarà recapitata gratuitamente ,e per ogni rifornimento saranno accreditati il 50% dei punti in più (spendibili in carburante) la stessa card potrà essere usata come una comune carta prepagata anche per gli acquisti. Costo attivazione 0 (zero) canone 0 (zero) .

News

 

CALENDARI

 

CLASSIFICHE

 

Sport e Turismo

 

Enduro

 

Motocross

 

 

Turismo

 

Comunicati Ufficiali

 

Altri Documenti

 

Archivio News

 

Motoclub